Avviso pubblicazione documenti

Milano, 25 marzo 2024 – Si rende noto che la relazione finanziaria annuale al 31 dicembre 2023 comprensiva del progetto di bilancio di esercizio, del bilancio consolidato e delle relative attestazioni, delle relazioni della società di revisione e della relazione del collegio sindacale, della relazione sul governo societario e gli assetti proprietari, della dichiarazione consolidata di carattere non finanziario (report di sostenibilità) con la relazione della società di revisione nonché la relazione sulla politica di remunerazione e sui compensi
corrisposti
, predisposta ai sensi dell’art. 123 ter del D. Lgs 58/98, comprensiva anche delle informazioni richieste dall’articolo 84 bis del Regolamento Emittenti CONSOB, sono depositate presso la sede legale e sono disponibili presso il meccanismo di stoccaggio autorizzato eMarket Storage all’indirizzo www.emarketstorage.com e sul sito internet della Società all’indirizzo www.italmobiliare.it nella sezione Governance/Assemblea degli azionisti (https://www.italmobiliare.it/it/governance/assemblea-degli-azionisti).

Il presente avviso di messa a disposizione della documentazione sarà altresì pubblicato domani su quotidiani a diffusione nazionale.

Pubblicato l’avviso di convocazione. Disponibile la relazione degli amministratori all’assemblea ordinaria

Milano, 21 marzo 2024 – ITALMOBILIARE S.p.A. rende noto che l’avviso di convocazione dell’assemblea ordinaria del 23 aprile 2024 è disponibile sul sito internet della Società nella sezione Governance/Assemblea degli Azionisti (https://www.italmobiliare.it/it/governance/assemblea-degli-azionisti), nonché presso il meccanismo di stoccaggio autorizzato eMarket Storage all’indirizzo www.emarketstorage.com e sarà pubblicato domani per estratto su alcuni quotidiani a diffusione nazionale.

La relazione degli amministratori su tutte le materie all’ordine del giorno è a disposizione del pubblico presso la sede legale, sul sito internet della Società www.italmobiliare.it nella sezione Governance/Assemblea degli Azionisti (https://www.italmobiliare.it/it/governance/assemblea-degli-azionisti), nonché presso il meccanismo di stoccaggio autorizzato eMarket Storage all’indirizzo www.emarketstorage.com.

Sono altresì disponibili nella medesima sezione del sito internet i moduli di delega per l’intervento in assemblea, anche attraverso il Rappresentante Designato ai sensi dell’articolo 135 – undecies del Testo Unico della Finanza.

Il Consiglio di Amministrazione ha approvato il progetto di bilancio della società al 31 dicembre 2023

IL GRUPPO CHIUDE UN ALTRO ANNO DI IMPORTANTE CRESCITA: NAV IN AUMENTO DI 172 MILIONI (PERFORMANCE +10%); DISPONIBILITÀ DI CASSA IN FORTE AUMENTO IN SEGUITO ALLE EXIT EFFETTUATE; CRESCONO FATTURATO (+21,1%) E MOL (+80,7%) A LIVELLO CONSOLIDATO. PROPOSTO DIVIDENDO PER COMPLESSIVI 3 EURO AD AZIONE, PARI A 126,8 MILIONI.

  • Al 31 dicembre 2023 il NAV di Italmobiliare S.p.A., escludendo le azioni proprie, risulta pari a 2.201 milioni di euro, in aumento di 172,3 milioni rispetto al 31 dicembre 2022. Il NAV per azione è pari a 52,1 euro e, includendo la distribuzione di dividendi nel corso del 2023 pari a 0,70 euro per azione, registra una performance positiva di circa il 10%.
  • A ottobre 2023 Italmobiliare ha ceduto la partecipazione in Florence InvestCo S.r.l., incassando 78,2 milioni di euro con una plusvalenza di oltre 45 milioni e un ritorno MoM di 2,5x. A febbraio 2024 è stata inoltre ceduta l’intera partecipazione detenuta in AGN Energia per 100 milioni di euro, con una plusvalenza di circa 40 milioni di euro e un ritorno MoM di 1,8x.
  • La posizione finanziaria netta di Italmobiliare S.p.A. è in miglioramento di 52,8 milioni di euro e al 31 dicembre 2023 si attesta a +204,3 milioni di euro, cui si aggiungono circa 100 milioni di euro derivanti dalla cessione di AGN Energia avvenuta successivamente alla chiusura dell’esercizio.
  • Il Gruppo chiude il 2023 con risultati positivi legati all’ulteriore sviluppo delle Portfolio Companies. A livello consolidato, il fatturato si attesta a 585,8 milioni di euro (+21,1% rispetto al 2022), e il margine operativo lordo sale a 99,2 milioni (+80,7%)
  • A livello aggregato crescono i ricavi (1.438 milioni di euro, +6,1%) delle Portfolio Companies Industriali, con MOL sostanzialmente stabile (213 milioni di euro, +0,7%). In particolare:
    • Nel settore alimentare, Caffè Borbone e Capitelli chiudono l’esercizio con ricavi e margine operativo lordo in crescita a doppia cifra rispetto al 2022. Caffè Borbone registra ricavi per la prima volta sopra i 300 milioni di euro (+14,3%) e MOL a 79,7 milioni (+21%), mentre Capitelli vede i ricavi crescere a 22,4 milioni (+16,8%) e il MOL a 3,5 milioni +(24,6%).
    • Molto positiva la performance di Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella, con ricavi in aumento del 20,5%, a 56,2 milioni di euro, e margine operativo in crescita del 38,3%. Risultati frutto sia del successo delle nuove linee prodotto, sia delle ottime performance del canale retail.
    • Prosegue il percorso di sviluppo di CDS-Casa della Salute, che nell’esercizio ha inaugurato 12 nuove strutture sanitarie, che portano a 26 il totale dei centri del gruppo, e registrato ricavi in aumento a 42,8 milioni (+31,8%)
    • Italgen, la green energy company del Gruppo, registra ricavi e margine operativo lordo in aumento rispettivamente del 13,7% e del 29%.
  • Prosegue il percorso di decarbonizzazione guidato dall’approccio metodologico della Science Based Targets initiative, alla quale, dopo la Holding, hanno aderito tutte le Portfolio Companies.
  • In considerazione dei buoni risultati dell’esercizio e dell’aumento della disponibilità di cassa in seguito alle cessioni, il Consiglio di Amministrazione proporrà alla prossima Assemblea la distribuzione di un dividendo per complessivi 3 euro per azione.

Milano, 7 marzo 2024 – In data odierna il Consiglio di Amministrazione di Italmobiliare S.p.A. ha esaminato e approvato il bilancio consolidato e il progetto di bilancio della società al 31 dicembre 2023. Il Consiglio di Amministrazione proporrà la distribuzione di un dividendo complessivo di 3 euro per azione (di cui 0,8 euro di componente ordinaria e 2,2 euro di componente straordinaria).

Nel 2023 il Gruppo Italmobiliare registra trend positivi legati allo sviluppo e al continuo miglioramento dell’efficienza delle società in portafoglio. A livello consolidato, il fatturato del Gruppo si attesta a 585,8 milioni di euro, in aumento del 21,1% rispetto al 2022, principalmente per l’apporto positivo di Caffè Borbone, Casa della Salute, Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella e Italgen. Il Margine operativo lordo, pari a 99,2 milioni, è in crescita dell’80,7% rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente, sempre grazie alle ottime performance di Caffè Borbone, Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella e Italgen.

Escludendo le azioni proprie, il Net Asset Value di Italmobiliare risulta pari a 2.201 milioni di euro (2.029 milioni di euro al 31 dicembre 2022). Il NAV per azione (escluse le azioni proprie) è pari a 52,1 euro e, in considerazione della distribuzione di dividendi pari a 0,70 euro per azione, registra un incremento di circa il 10% rispetto all’analogo valore al 31 dicembre 2022.

In merito alla valorizzazione delle partecipazioni in portafoglio, si segnala che a ottobre è stata perfezionata la cessione di Florence InvestCo S.r.l., società della quale Italmobiliare deteneva una partecipazione del 13,98%. Florence è un progetto di successo, alla cui nascita e sviluppo Italmobiliare ha dato un importante contributo, creando in pochi anni un‘eccellenza della manifattura tessile con importanti prospettive di sviluppo. Dalla cessione, la Holding ha incassato 78,2 milioni di euro a fronte di un investimento di 30,7 milioni di euro, con un IRR di 51,2%. A febbraio 2024 è stata inoltre ceduta la partecipazione in AGN Energia di titolarità di Italmobiliare. Italmobiliare era entrata nel capitale di Autogas Nord a gennaio 2019 attraverso un aumento di capitale che ha contribuito a finanziare l’acquisizione di Lampogas, ponendo le basi per la nascita di AGN Energia, gruppo leader nel settore GPL che in pochi anni è stato protagonista di uno straordinario sviluppo. Dalla cessione Italmobiliare ha incassato 100 milioni di euro, circa il 20% in più rispetto all’ultima valutazione del NAV al 30 settembre 2023, con una plusvalenza di circa 40 milioni di euro e un ritorno money on money pari a 1,8x; gli effetti economici di questa operazione saranno registrati nell’esercizio 2024, mentre il valore di NAV al 31 dicembre 2023 è stato allineato al valore di cessione della partecipazione.

Italmobiliare S.p.A. ha chiuso il Bilancio 2023 con un utile di 51,6 milioni di euro, in aumento del 54,1% rispetto ai 33,5 milioni del 2022. La posizione finanziaria netta di Italmobiliare S.p.A. è in miglioramento di 52,8 milioni di euro, passando da 151,5 milioni di euro al 31 dicembre 2022 a 204,3 milioni di euro al 31 dicembre 2023. A questi si aggiungono i circa 100 milioni di euro incassati in seguito alla cessione di AGN Energia, avvenuta successivamente alla chiusura dell’esercizio.

“I risultati 2023, che in un contesto sfidante vedono crescere il NAV, i ricavi e il margine operativo lordo a livello consolidato, confermano il valore del nostro portfolio diversificato di eccellenze industriali italiane – ha commentato Carlo Pesenti, Consigliere Delegato di Italmobiliare –. La valorizzazione delle partecipazioni in Florence e AGN Energia, che abbiamo supportato proattivamente in un percorso di trasformazione e crescita, dimostra inoltre la flessibilità strategica di Italmobiliare nel cogliere opportunità di rotazione del portafoglio qualora il completamento del percorso di accompagnamento e le condizioni di mercato rendano ottimale effettuare operazioni di disinvestimento. L’aumentata disponibilità di cassa di Italmobiliare e la solidità patrimoniale delle nostre aziende ci consentono di proporre all’Assemblea un importante dividendo, volto a testimoniare al mercato la validità della nostra strategia di investimento e sviluppo. Nel 2024 il focus di attività sarà ancora incentrato sulla spinta alla crescita attraverso mirate operazione di M&A e add-on volte allo sviluppo organico e all’espansione internazionale delle principali società in portafoglio”.

Nel 2023 abbiamo dato ulteriore impulso al percorso di decarbonizzazione guidato dall’approccio metodologico della Science Based Targets initiative, alla quale, dopo la Holding, hanno aderito anche tutte le Portfolio Companies – sottolinea la Presidente Laura Zanetti. Siamo impegnati anche nell’ulteriore sviluppo di una cultura della salute, della sicurezza e del benessere intesa come modello etico e di efficienza del business e sull’adozione piani di sviluppo delle persone mirati crescita professionale, inclusione e parità di genere. L’obiettivo del Gruppo, già ben posizionato nei principali ESG Ratings a livello mondiale, è consolidare ulteriormente la propria strategia sostenibile, che si fonda su una governance solida, è costruita sui più elevati riferimenti globali, tra cui UN Global Compact, e si estende all’intera catena del valore”.

Italmobiliare cede la partecipazione in AGN ENERGIA

Milano, 28 febbraio 2024 – In data odierna il Consiglio di amministrazione di AGN ENERGIA ha accertato la sussistenza delle condizioni necessarie al perfezionamento di un buyback dell’intera partecipazione sociale in AGN ENERGIA di titolarità di Italmobiliare. A seguito di ciò – in forza di accordo tra Italmobiliare e il socio di controllo di AGN ENERGIA – è divenuta efficace l’obbligazione delle parti di dar corso al buyback. Si prevede che il perfezionamento dell’operazione avrà luogo nella giornata odierna. Italmobiliare detiene una partecipazione pari al 32,02% del capitale sociale di AGN ENERGIA e realizzerà dalla cessione 100 milioni di euro, circa il 20% in più rispetto all’ultima valutazione del NAV, con una plusvalenza di circa 40 milioni di euro e un ritorno money on money pari a 1,8x.

Italmobiliare aveva annunciato l’ingresso nel capitale di Autogas Nord a novembre 2018 attraverso un aumento di capitale riservato da 60 milioni di euro che aveva contribuito a finanziare l’acquisizione di Lampogas, altro primario operatore italiano nella vendita di GPL. L’aggregazione di Autogas Nord e Lampogas ha posto le basi per la nascita di AGN ENERGIA, gruppo leader nel settore GPL che in pochi anni è stato protagonista di uno straordinario sviluppo, consolidando il core business e ampliando il proprio ambito di attività diventando a tutti gli effetti una multi-utility dell’energia, attiva nel mercato di luce, gas, fornitura di soluzioni per l’efficienza energetica e distribuzioni di gas tecnici. Uno sviluppo certificato dai risultati: AGN ENERGIA impiega oggi oltre 550 dipendenti e ha chiuso il 2022 con 704,5 milioni di euro di ricavi (526,2 milioni1 nel 2018), un margine operativo lordo di 51,8 milioni di euro (35,7 milioni1 nel 2018) e un utile di 19,1 milioni (7,8 milioni1 nel 2018). La crescita risulta ancor più evidente confrontando i risultati attuali con quelli della sola Autogas Nord, che nel 2018 impiegava circa 230 dipendenti e registrava ricavi per 260,1 milioni di euro.

Siamo soddisfatti di aver accompagnato AGN ENERGIA in questi anni, dando impulso al percorso di sviluppo che ha permesso di consolidare la leadership della società nel business del GPL, rispondendo alle sfide della transizione energetica e diventando una multi-utility dell’energia – spiega Carlo Pesenti, Consigliere Delegato di Italmobiliare –. L’operazione è stata condivisa e condotta con gli azionisti di controllo e ha portato al raggiungimento degli ambiziosi obiettivi definiti al momento dell’ingresso di Italmobiliare. Autogas Nord ha compiuto un significativo salto dimensionale e ha saputo massimizzare i benefici e le sinergie di questa crescita grazie all’evoluzione della governance e ad una crescente manageralizzazione di tutte le funzioni aziendali. Un caso di successo che testimonia il grande potenziale di crescita delle imprese italiane ed è rappresentativo del ruolo che Italmobiliare può svolgere a supporto delle mid cap di eccellenza impegnate nello sviluppo del proprio business.”

"Il percorso comune con Italmobiliare ha portato una trasformazione e una crescita importante per la nostra azienda, che opera in un contesto sfidante e in continua evoluzione, dove ci sono grandi opportunità per chi le sa cogliere" commenta Umberto Risso, presidente di AGN Energia. “È stata certamente un'operazione di successo, un esempio di apertura azionaria ad un partner esterno, non così diffusa tra le medie aziende. Abbiamo raggiunto risultati importanti attraverso la collaborazione tra imprenditori italiani, da settori e con competenze differenti ma con la stessa visione, senza ricorso a soggetti esteri: anche questo è ancora poco diffuso. Siamo soddisfatti di questa esperienza: da domani inizia la nuova fase di un piano strategico ben delineato" 

Italmobiliare – Fondata nel 1946 e quotata nel segmento Euronext STAR della Borsa di Milano, Italmobiliare è una delle principali investment holding italiane e gestisce un portafoglio diversificato di investimenti con un Net Asset Value superiore a 2 miliardi di euro. A partire dal 2017 Italmobiliare ha consolidato la propria strategia di investimento in società che mostrano elevate potenzialità di sviluppo, del business e del mercato di riferimento, e con una forte attitudine a innovazione e sostenibilità, affiancandole in un percorso di crescita sostenibile che prevede la piena integrazione dei principi ESG in tutte le fasi dell’investimento e nelle strategie di business, facendo della sostenibilità una leva strategica di successo.

AGN Energia –Fondata nel 1958 è oggi una moderna Compagnia Energetica che come leader in Italia nel settore del GPL e dei gas tecnici, amplia la sua offerta di prodotti e servizi a tutti i segmenti di business: domestico, piccola e media azienda, industria, autotrazione e agricoltura. Con un costante impegno a favore di uno sviluppo sostenibile, AGN Energia offre soluzioni per la fornitura di energia elettrica 100% green e gas naturale, efficientamento energetico, e-mobility e fotovoltaico, verso la diffusione delle comunità energetiche e della generazione distribuita. L’azienda - controllata dalla Holding Quiris - oggi gestisce oltre 250.000 clienti e conta circa 700 tra dipendenti e collaboratori, distribuiti in 33 sedi sul territorio nazionale.

1 consolidato Autogas Nord e Lampogas

Calendario eventi societari 2024

Milano, 11 dicembre 2023 - Italmobiliare S.p.A. comunica il calendario degli eventi societari per l’anno 2024.

CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE

  • 7 marzo 2024 progetto di bilancio d’esercizio e bilancio consolidato al 31 dicembre 2023
  • 13 maggio 2024 informazioni finanziarie periodiche aggiuntive al 31 marzo 2024
  • 31 luglio 2024 relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2024
  • 12 novembre 2024 informazioni finanziarie periodiche aggiuntive al 30 settembre 2024

ASSEMBLEA DEI SOCI

23 aprile 2024 approvazione del bilancio di esercizio 2023 (convocazione unica)

Approvata dal Consiglio di amministrazione l’informativa periodica aggiuntiva al 30 settembre 2023

PROSEGUE LO SVILUPPO DEL GRUPPO ITALMOBILIARE: A LIVELLO CONSOLIDATO CRESCONO FATTURATO (+14,1%) E MOL (+50%)

  • Nel corso dei primi nove mesi dell’anno il Gruppo registra trend positivi legati al percorso di sviluppo ed efficienza delle principali Portfolio Companies. Il fatturato consolidato si attesta a 418,5 milioni di euro (+14,1%) e il MOL cresce del 50% a 66,7 milioni.
  • A livello aggregato crescono i ricavi (1.427 milioni di euro, +2%) e il MOL (178,9 milioni, +11,2%) delle Portfolio Companies industriali. In particolare:
    • Prosegue lo sviluppo di Caffè Borbone - con la crescita significativa della GDO e del canale digitale - con fatturato e MOL in aumento rispettivamente a 221,2 milioni di euro (+14,7%) e 58,3 milioni (+21%);
    • Ottime performance di Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella - frutto prevalentemente del successo dei nuovi lanci e delle ottime performance del segmento retail - con aumento di ricavi, del 19,9% a 37,5 milioni, e del MOL (+30,4%).
    • In aumento ricavi e MOL di CDS–Casa della Salute, che nei primi nove mesi dell’anno ha aperto quattro nuove cliniche e concluso due acquisizioni, e Italgen, grazie al recupero della piovosità, all’entrata in funzione dei nuovi impianti fotovoltaici e all’eliminazione del price cap a partire da inizio luglio 2023.
    • In uno sfidante contesto di mercato, con consumi di settore in calo e prezzi della carne in aumento, Capitelli vede crescere ricavi (+15,7%) e MOL (+22,3%)
  • Al 30 settembre 2023 il Net Asset Value di Italmobiliare S.p.A., escludendo le azioni proprie, risulta pari a 2.068,6 milioni di euro (2.029,1 milioni di euro al 31 dicembre 2022); considerando la distribuzione di dividendi effettuata nel corso del primo semestre pari a 29,5 milioni di euro, la performance netta è positiva per 69,0 milioni di euro. Il NAV per azione (escluse le azioni proprie) è pari a 48,9 euro e, in considerazione della distribuzione di dividendi pari a 0,7 euro per azione, registra un incremento del 3,4% rispetto all’analogo valore al 31 dicembre 2022.
  • Al 30 settembre 2023 la posizione finanziaria netta di Italmobiliare S.p.A. è positiva e registra un aumento di 2,5 milioni di euro, passando da 151,5 milioni di euro al 31 dicembre 2022 a 154,0 milioni di euro.
  • È in corso la definizione degli obiettivi di decarbonizzazione al 2030 che saranno inviati entro fine anno al team di esperti della Science Based Target initiative per essere validati: con differenti modalità e secondo gli sfidanti protocolli previsti, gli obiettivi coinvolgono oltre il 70% del Net Asset Value e quasi il 100% della carbon footprint del Gruppo.

Milano, 9 novembre 2023 – Il Consiglio di amministrazione di Italmobiliare S.p.A. ha approvato oggi l’informativa finanziaria periodica aggiuntiva al 30 settembre 2023.

Nel corso dei primi nove mesi dell’anno il Gruppo Italmobiliare registra trend positivi legati allo sviluppo e al continuo miglioramento dell’efficienza delle società in portafoglio. Il fatturato consolidato del gruppo si attesta a 418,5 milioni di euro, in crescita del 14,1% rispetto allo stesso periodo del 2022, principalmente per l’apporto positivo di Caffè Borbone, Casa della Salute e Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella nonché per l’ingresso di SIDI Sport nel perimetro di consolidamento. Il Margine operativo lordo, pari a 66,7 milioni di euro, è in crescita del 50% rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente principalmente grazie alle ottime performance di Caffè Borbone, Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella e Italgen.

Sul fronte ESG, il Gruppo sta ulteriormente affinando la propria strategia di decarbonizzazione. Lo scorso marzo era stata formalizzata l’adesione alla Science Based Targets initiative, con la quale Italmobiliare si impegnava a fissare e perseguire obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra a breve e lungo termine in linea con lo scenario net-zero. È in corso la fase finale di definizione degli obiettivi di decarbonizzazione al 2030 che saranno inviati entro fine anno al team di esperti della Science Based Target initiative per essere validati: con modalità differenti e secondo gli sfidanti protocolli previsti, gli obiettivi coinvolgono oltre il 70% del Net Asset Value e quasi il 100% della carbon footprint del Gruppo.

Guardando all’aggregato pro-forma delle Portfolio Companies industriali, i ricavi sono in crescita a 1.427 milioni di euro (+2%). Normalizzando l'ingresso di SIDI, entrata nel gruppo solo a fine 2022, e il calo dei ricavi di AGN, che non ha avuto un impatto diretto sulla profittabilità della società e che va imputato alla contrazione dei prezzi dell'energia, i ricavi sono in aumento del 7,7%. Cresce dell’11,2% il margine operativo lordo aggregato, che si attesta a 178,9 milioni di euro.

Con particolare riferimento all’andamento delle Portfolio Companies, si evidenzia nel settore alimentare l’ottima performance di Caffè Borbone e Capitelli. Caffè Borbone chiude il periodo con un fatturato di 221,2 milioni di euro, in aumento del 14,7%, e MOL a 58,3 milioni (+21%). Capitelli registra ricavi in crescita a 16,4 milioni di euro (+15,7%) con volumi in aumento dell’8%, in controtendenza rispetto al mercato italiano dei salumi che sconta una flessione del 4,5% (fonte ISMEA). Il margine operativo lordo è in aumento del 22,3% nonostante il forte incremento dei prezzi della materia prima. Callmewine registra ricavi in flessione rispetto all'esercizio precedente, in un contesto di mercato in via di normalizzazione dopo la crescita significativa durante la pandemia.

Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella chiude i primi tre trimestri con ricavi in aumento del 19,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il margine operativo lordo, normalizzando l’effetto delle spese non ricorrenti, è pari a 10 milioni di euro, in crescita del 39% rispetto all’anno precedente.

CDS–Casa della Salute continua il proprio percorso di espansione, con l’apertura di quattro nuove cliniche e la finalizzazione di due acquisizioni. In significativo aumento i ricavi (+26,8%), il margine operativo lordo cresce dell’11%, nonostante i costi non ricorrenti legati alle iniziative di sviluppo.

Nel settore energetico, buona performance di Italgen, che nel terzo trimestre recupera un inizio anno difficile a causa della perdurante siccità, e chiude i primi nove mesi con margine operativo lordo raddoppiato rispetto all'esercizio precedente, seppur ancora inferiore alle medie storiche. AGN Energia vede ricavi in calo (-11,8%), influenzati dall'andamento dei prezzi dell'energia, e margine operativo lordo in crescita (+24,5%) grazie all'ottima marginalità unitaria registrata nei diversi business, anche se influenzato dalla plusvalenza generata dalla cessione del ramo di azienda bombole.

Nel settore outdoor il Gruppo Tecnica mostra dei risultati in linea con i nove mesi dell’esercizio precedente, con fatturato a 356,6 milioni di euro; in particolare si segnalano buone performance di LOWA e Moon Boot. SIDI, entrata nel Gruppo a fine 2022, chiude i nove mesi con ricavi pari a 16,4 milioni di euro in un mercato che sconta il significativo rallentamento dei consumi dopo la straordinaria crescita durante il periodo pandemico specialmente nel segmento bici.

ISEO chiude il periodo con ricavi sostanzialmente costanti e margine operativo lordo in diminuzione soprattutto per l’incremento dei costi fissi riconducibili alla spinta commerciale del business elettronico e al processo di digitalizzazione della società.

Bene Assicurazioni registra un incremento dei premi del 31,6% rispetto all’anno precedente, superando le aspettative dell’ambizioso budget per il 2023.

In ultimo, Clessidra Holding, Portfolio Company non industriale, sviluppata come portafoglio multi-asset nella gestione di investimenti alternativi, registra ricavi pari a 27,6 milioni di euro e MOL a 8,5 milioni.

Al 30 settembre 2023 il Net Asset Value di Italmobiliare S.p.A., escludendo le azioni proprie, risulta pari a 2.068,6 milioni di euro (2.029,1 milioni di euro al 31 dicembre 2022); considerando la distribuzione di dividendi effettuata nel corso del primo semestre pari a 29,5 milioni di euro, la performance netta è positiva per 69,0 milioni di euro. Il NAV per azione (escluse le azioni proprie) è pari a 48,9 euro e, in considerazione della distribuzione di dividendi pari a 0,7 euro per azione, registra un incremento del 3,4% rispetto all’analogo valore al 31 dicembre 2022.

Al 30 settembre 2023 la posizione finanziaria netta di Italmobiliare S.p.A. è positiva e registra un aumento di 2,5 milioni di euro, passando da 151,5 milioni di euro al 31 dicembre 2022 a 154,0 milioni di euro, allocati per circa il 50% nel Fondo Vontobel, un portafoglio multi-asset con un profilo di rischio conservativo, in coerenza con le politiche di investimento della Società. Tra i principali flussi in uscita si segnalano: impieghi, al netto dei rimborsi, in fondi di private equity (-17,5 milioni di euro), altri investimenti (-16,3 milioni di euro), costi generali, imposte e piani di incentivazione (-37,0 milioni di euro). Tali uscite sono state in parte compensate dalle vendite di HeidelbergCement AG e di altre partecipazioni (+36,6 milioni di euro), dal rimborso di capitale da parte di Sirap Gema e FT2 (+16,0 milioni di euro) e dal flusso netto positivo tra pagamento del dividendo ordinario e dividendi incassati (+13,8 milioni di euro). Infine, la gestione della liquidità ha generato una performance positiva pari a 5,7 milioni di euro.

Eventi successivi alla data di chiusura del periodo

In data 19 ottobre 2023 è stata perfezionata la cessione di Florence InvestCo S.r.l. – società della quale Italmobiliare deteneva una partecipazione del 13,98% - a Permira. Italmobiliare era presente nell’azionariato di Gruppo Florence dalla costituzione dell’iniziativa – nata con l’obiettivo di aggregare eccellenze industriali italiane nel settore della manifattura tessile conto terzi di fascia luxury – e in seguito al perfezionamento dell’operazione di cessione ha incassato 78,2 milioni di euro a fronte di un investimento di 30,7 milioni di euro e con un ritorno MoM di 2,5% e un IRR di 51,2%.

La presentazione per la comunità finanziaria, aggiornata con i risultati al 30 settembre 2023, sarà resa disponibile sul sito internet della Società nella sezione Investor/Presentazioni entro la giornata odierna.

Il Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari di Italmobiliare S.p.A., Mauro Torri, attesta – ai sensi dell’art. 154-bis, comma 2 del Testo Unico della Finanza (D. Lgs. 58/1998) – che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.

Perfezionata la cessione di Florence Investco S.r.l.

Milano, 19 ottobre 2023 – In data odierna è stata perfezionata la cessione di Florence InvestCo S.r.l. a Permira. Florence InvestCo S.r.l., società della quale Italmobiliare deteneva una partecipazione al capitale del 13,98%, è azionista di maggioranza di Gruppo Florence S.p.A.

Italmobiliare era presente nell’azionariato di Gruppo Florence dalla costituzione dell’iniziativa – nata con l’obiettivo di aggregare eccellenze industriali italiane nel settore della manifattura tessile conto terzi di fascia luxury – e in seguito al perfezionamento dell’operazione di cessione ha incassato 78,2 milioni di euro.

Gruppo Florence è un progetto di successo, alla cui nascita e sviluppo siamo orgogliosi di aver dato un importante contributo, creando in pochi anni un‘eccellenza della manifattura tessile con importanti prospettive di sviluppo che certamente il nuovo azionista saprà cogliere e valorizzare” ha dichiarato Carlo Pesenti, Consigliere Delegato di Italmobiliare.

Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2023

Milano, 4 agosto 2023 -  Si rende noto che la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2023 di Italmobiliare S.p.A., completa della relazione della Società di Revisione, è depositata presso la sede legale in Milano, via Borgonuovo n. 20, presso il meccanismo di stoccaggio autorizzato eMarket Storage (www.emarketstorage.com) nonché pubblicata sul sito internet della Società www.italmobiliare.it nella sezione Investor/Bilanci e Relazioni (https://www.italmobiliare.it/it/investor/bilanci-e-relazioni).

Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati del primo semestre 2023

AUMENTANO RICAVI E MOL DELLE PORTFOLIO COMPANIES INDUSTRIALI. CRESCE IL NAV, DOPO LA DISTRIBUZIONE DEI DIVIDENDI

  • Nel corso del primo semestre dell’anno, pur in un contesto di perdurante incertezza e criticità, il Gruppo registra trend positivi legati al proseguimento del percorso di sviluppo e ottimizzazione operativa delle attività. Il fatturato consolidato è in crescita del 11,6%, attestandosi a 285 milioni di euro.
  • Le Portfolio Companies industriali registrano la crescita dei ricavi (949,8 milioni, +5,1%) e del MOL (99,8 milioni, +11,7%), in particolare:
    • Caffè Borbone chiude il semestre con un significativo incremento dei ricavi (153,7 milioni; +14,7%) e del MOL (41,1 milioni; +21,2%);
    • continua lo sviluppo di Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella, con ricavi in aumento a 23,7 milioni (+21,5%);
    • CDS–Casa della Salute taglia il traguardo delle 20 cliniche, con ricavi in crescita del 26% a 20,9 milioni di euro;
    • aumentano ricavi (11,3 milioni, +16,3%) e MOL (1,7 milioni, +5,5%) di Capitelli.
  • Il Net Asset Value di Italmobiliare S.p.A., escludendo le azioni proprie, risulta pari a 2.064,8 milioni di euro (2.029,1 milioni di euro al 31 dicembre 2022); considerando la distribuzione di dividendi effettuata nel corso del semestre pari a 29,5 milioni di euro, la performance netta è positiva per 65,2 milioni di euro.
  • Il NAV per azione (escluse le azioni proprie) è pari a 48,8 euro e, in considerazione della distribuzione di dividendi pari a 0,7 euro per azione, registra un incremento del 3,2% rispetto all’analogo valore al 31 dicembre 2022.
  • La posizione finanziaria netta di Italmobiliare S.p.A. è positiva e in aumento di 10,1 milioni di euro, passando da 151,5 milioni di euro al 31 dicembre 2022 a 161,6 milioni di euro a fine giugno 2023.
  • A maggio è stata annunciata la sottoscrizione di un accordo per la cessione di Florence InvestCo S.r.l, società che detiene una partecipazione di maggioranza nel capitale di Gruppo Florence S.p.A. Si stima che Italmobiliare, che detiene una partecipazione del 13,98% di Florence InvestCo S.r.l., realizzerà -ad esito dell’operazione di cessione- un incasso di circa 75 milioni di euro.
  • Nel primo semestre del 2023 tutte le Portfolio Companies hanno completato l’adesione allo UN Global Compact. Inoltre, Italgen e Casa della Salute hanno avviato il procedimento di trasformazione in B Corp.

Milano, 28 luglio 2023 – Il Consiglio di Amministrazione di Italmobiliare ha esaminato e approvato la relazione semestrale al 30 giugno 2023.

Al termine del semestre Il Net Asset Value di Italmobiliare S.p.A., escludendo le azioni proprie, risulta pari a 2.064,8 milioni di euro, in crescita rispetto ai 2.029,1 milioni di euro del 31 dicembre 2022; considerando la distribuzione di dividendi effettuata nel corso del semestre pari a 29,5 milioni di euro, la performance netta è positiva per 65,2 milioni di euro. L’aumento del Net Asset Value di circa 36 milioni di euro è dovuto principalmente alla performance positiva delle Portfolio Companies per 56,7 milioni di euro, relativa in particolare a Caffè Borbone e Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella, e delle Altre Partecipazioni per 40,4 milioni di euro, in particolare Florence InvestCo e HeidelbergCement, parzialmente compensate dalla distribuzione di dividendi per 29,5 milioni di euro e da costi generali, imposte e piani di incentivazione per circa 30 milioni di euro. Il NAV per azione (escluse le azioni proprie) è pari a 48,8 euro e, in considerazione della distribuzione di dividendi pari a 0,7 euro per azione, registra un incremento del 3,2% rispetto all’analogo valore al 31 dicembre 2022.

Carlo Pesenti, Consigliere Delegato di Italmobiliare, ha dichiarato “I buoni risultati ottenuti nel primo semestre dell’anno, uniti all’incremento del NAV, confermano sia la qualità delle società in portafoglio, sia la capacità dei manager della holding e delle nostre aziende di creare valore anche in un contesto particolarmente sfidante, come è quello che stiamo attraversando. Il nostro obiettivo è proseguire questo percorso di sviluppo anche nella seconda parte dell’anno, traguardando gli ambiziosi obiettivi di crescita sostenibile che ci siamo dati. A questo proposito voglio sottolineare che, seguendo l’impegno assunto da Italmobiliare nel 2020, nel primo semestre del 2023 tutte le Portfolio Companies hanno completato l’adesione allo UN Global Compact, l’iniziativa strategica di sostenibilità d’impresa più ampia al mondo. Inoltre, Italgen e Casa della Salute, hanno avviato il procedimento di trasformazione in B Corp, a riconoscimento del loro modello di business sostenibile.”.

Guardando all’aggregato pro-forma delle Portfolio Companies industriali, i ricavi sono pari a 949,8 milioni di euro, in crescita del 5,1% rispetto al primo semestre del 2022; incremento che resta invariato normalizzando l’ingresso nel semestre di SIDI e il calo dei ricavi di AGN dovuto alla contrazione dei prezzi dell’energia, che non ha avuto un impatto diretto sulla profittabilità della società. Il margine operativo lordo delle Portfolio Companies industriali è pari a 99,8 milioni di euro, in crescita dell’11,7% rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente, sostenuto dalle buone performance di Caffè Borbone e AGN Energia. Al lordo di dividendi pagati nel periodo per 61,6 milioni di euro e di alcune operazioni non ricorrenti, il free cash flow complessivo del primo semestre è negativo per 0,9 milioni di euro, risultato più che spiegato dagli investimenti effettuati nel periodo, pari a 62,1 milioni di euro. Si evidenzia, in particolare, la buona generazione di cassa di Caffè Borbone e AGN Energia.

Il 25 maggio 2023 è stata annunciata la sottoscrizione di un accordo per la cessione a Permira di Florence InvestCo S.r.l., società che detiene una partecipazione di maggioranza nel capitale di Gruppo Florence S.p.A. e della quale Italmobiliare detiene una partecipazione al capitale del 13,98%. Italmobiliare è presente nell’azionariato di Florence dalla costituzione dell’iniziativa – nata con l’obiettivo di aggregare eccellenze industriali italiane nel settore della manifattura tessile conto terzi di fascia luxury – e si stima realizzerà ad esito dell’operazione di cessione circa 75 milioni di euro, al netto di costi di transazione e strumenti di incentivo per il top management.

Al 30 giugno 2023 la posizione finanziaria netta di Italmobiliare S.p.A. è positiva e in aumento di 10,1 milioni di euro, passando da 151,5 milioni di euro al 31 dicembre 2022 a 161,6 milioni di euro a fine giugno 2023.

Raggiunto l'accordo per la cessione di Florence InvestCo S.r.l.

Milano, 25 maggio 2023 – In data odierna è stata annunciata la sottoscrizione di un accordo per la cessione a Permira di Florence InvestCo S.r.l., società che detiene una partecipazione di maggioranza nel capitale di Gruppo Florence S.p.A. e della quale Italmobiliare detiene una partecipazione al capitale del 13,98%.
Italmobiliare è presente nell’azionariato di Florence dalla costituzione dell’iniziativa – nata con l’obiettivo di aggregare eccellenze industriali italiane nel settore della manifattura tessile conto terzi di fascia luxury – e si stima realizzerà ad esito dell’operazione di cessione circa 78 milioni di euro, al netto di costi di transazione e strumenti di incentivo per il top management. 
Florence è un progetto di successo, alla cui nascita e sviluppo siamo orgogliosi di aver dato un importante contributo, creando in pochi anni un‘eccellenza della manifattura tessile con importanti prospettive di sviluppo che certamente il nuovo azionista saprà cogliere e valorizzare” ha dichiarato Carlo Pesenti, Consigliere Delegato di Italmobiliare.

Iscriviti a

Principali dati economici e finanziari